Tag

ryanair

Browsing

Ryanair: le nuove regole per il check-in online

ryanair nuove regole giugno 2018

La compagnia low cost irlandese Ryanair, croce e delizia dei viaggiatori incalliti, nel corso degli anni ha abituato i propri clienti a sempre nuove regole a cui gli viene chiesto di attenersi, soprattutto per quanto riguarda il bagaglio a mano, alimentando gli incubi di noi viaggiatori on-a-budget.

Da oggi 13/06/2018 entra in vigore, invece, una nuova direttiva per quanto riguarda il check-in.

Continua a leggere per saperne di più!


Prenota con Booking.com tramite il link qua sotto! Guadagneremo entrambi 25 Dollari (AUD)!

(Valido per tutte le destinazioni)

PRENOTA ADESSO


La fama che la compagnia aerea si è guadagnata nel corso degli anni non è forse delle migliori.

Appena approdata in Italia, nel lontano 1998, è diventata subito un faro nell’oscurità in mezzo a un mare di voli non proprio a buon mercato.

Ha cambiato il modo di viaggiare di tanti che prima non potevano permetterselo, dando vita al movimento del weekend in europa mordi e fuggi.Gli ultimi anni hanno però visto crescere il numero dei clienti insoddisfatti, soprattutto per quanto riguarda le norme sui bagagli a mano.

L’impressione è quella che la compagnia stia cercando tutti i modi possibili per poter cogliere in fallo i propri clienti e costringerli a pagare un supplemento per praticamente qualsiasi cosa, supplemento che il più delle volte ha un costo maggiore del volo stesso!

Molti di noi devono ancora digerire il fatto di non poter più portare due bagagli a mano in cabina: infatti, dal 15 Gennaio 2018, è possibile portare con se solo una borsa delle dimensioni di 35 cm x 20 cm x 20 cm con la possibilità di imbarcare gratuitamente il proprio trolley, che deve comunque rispettare le vecchie dimensioni massime di 55 cm x 40 cm x 20 cm. La possibilità di portarli entrambi a bordo viene data solo ai passeggeri che acquistano la priorità (a partire da 6 euro a persona), che fino a poco tempo fa consisteva solo nell’imbarco prioritario, cioè veniva garantito l’ingresso sull’aeromobile prima di tutti gli altri.

In teoria.

Si perchè spesso e volentieri succedeva di dover aspettare la navetta che preleva i passeggeri dal gate e li porta all’ingresso dell’aereo. E questo avviene solo quando un bel po’ di passeggeri hanno passato i controlli al gate, il che significa che chi ha acquistato la priorità dovrà comunque aspettare, e finirà col salire pressochè insieme a tutti gli altri. Completamente non-sense.


L’ultima trovata della nostra cara Ryanair è una nuova regola che entrerà in vigore dal 13/06/2018 e che riguarda, stavolta, il check-in.

Infatti il check-in per chi non seleziona ed acquista il proprio posto a sedere (cioè quando l’assegnazione avviene in modo casuale) sarà disponibile solo da 48h a 2h prima, pena 55 euro di multa. Fino ad oggi i giorni a disposizione erano 4. La prenotazione del posto costa 4 euro, e permette invece di fare il check-in ben 6 giorni prima della partenza.

Questa ulteriore piccola modifica al regolamento sembra un’altra mossa per spingere i passeggeri ad acquistare il posto a sedere. Infatti, con soli 4 euro in più si guadagna un po’ di margine per quanto riguarda le tempistiche del check-in, ma non solo. Se si sceglie l’assegnazione del posto casuale e si viaggia con altre persone, il sistema assegna sempre posti distanti fra loro, anche se i biglietti vengono comprati nello stesso momento. Il risultato è presto detto: la maggior parte delle famiglie, soprattutto con bambini, e le coppie, tenderanno ad acquistare il posto in modo da riuscire a sedersi vicini, per la felicità delle tasche della Ryanair.

La cosa è ancora più irritante viste le vicende che si sono susseguite nelle ultime settimane.

Ritardi anche di dodici ore, cancellazioni a poche ore dal volo, gente che è stata caricata su un autobus per la bellezza di 24 ore per essere portata a destinazione perchè nessun aereo era disponibile (leggi qui la vicenda).

Io stessa ho volato con Ryanair a fine Maggio scorso e su tre voli tutti hanno subito dei ritardi (da 1 a 3 ore, mi è pure andata bene!).

Per fortuna in tutto questo c’è anche un risvolto positivo: da gennaio 2018 la franchigia del bagaglio registrato al check è stata aumentata da 15 kg a 20 kg, e la tariffa standard è stata ridotta da 35€ a 25€.

Insomma, questa compagnia ultimamente naviga in brutte acque, ma questo non mi sembra un buon motivo per rivalersi sempre sul cliente. Personalmente preferirei pagare qualcosa in più al momento della prenotazione e stare più tranquilla quando viene il momento di prendere l’aereo, che già di per se per me è un momento carico di ansia (mi immagino sempre gli scenari più catastrofici che mi faranno arrivare in ritardo e perdere l’aereo!).

Voi cosa ne pensate? Lasciate un commento!