ABOUT


IMG 20170430 130646 1024x1024 - About
Flowers Script Tumblr Banner 1 1024x305 - About

Sono Tania, inventrice – scrittrice – editrice  di Mamma Io Parto!

E ti do il benvenuto sul mio blog!

Ho aperto Mamma Io Parto perchè voglio dimostrare, soprattutto a me stessa, che i sogni possono essere realizzati.

Viaggiare è la mia passione più grande, forse l’unica. A un certo punto della mia vita ho deciso che era arrivato il momento di dare più spazio a questa passione. Ho deciso che valeva la pena mettere tutto il discussione per quest’unico desiderio, per fare la cosa che più mi rende felice al mondo.

Così ho dato le dimissioni. Ancora qualche mese e dirò addio alla mia vecchia vita per iniziarne una nuova, questa volta fatta su misura per me. Si perché dovrebbe essere la nostra vita ad adattarsi a quello che siamo noi e non il contrario. Credo sia nostro dovere plasmare le nostre esistenze a seconda di quello a che più ci appassiona, i quello che ci fa sentire vivi, a prescindere da quello che pensano gli altri. A un certo punto bisogna ascoltare se stessi, guardarsi allo specchio e chiederci cosa vogliamo veramente dalla vita.

Vi parlerò di viaggi, di esperienze, di persone; ma anche di quello che ho imparato e che sto imparando, di cosa vorrei diventare e dello stile di vita a cui aspiro.

LA MIA STORIA


Mi chiamo Tania Fesani, ho 28 anni, sono originaria di Cesena ma vivo a Reggio Emilia per lavoro.

Sono sempre stata una persona curiosa e ho sempre vissuto con il grande sogno di vedere il mondo.
Gli eventi della vita mi hanno portato però a prendere una strada ordinaria. A 23 anni lavoravo in un ospedale pubblico come tecnico di radiologia e a 25 avevo un contratto a tempo indeterminato.
La mia vita mi piaceva, il lavoro era quello che avevo in progetto di fare fin dall’inizio dei miei studi, avevo la mia indipendenza, avevo raggiunto l’obbiettivo per cui avevo lavorato tanto. La stabilità. Non era quello che vogliono tutti?

Blue and White Girl Photo Valentines Day Instagram Post 1024x1024 - About

Dopo pochi anni il bisogno di viaggiare è tornato a farsi sentire. I viaggi che facevano erano confinati alle settimane di ferie che mi erano concesse (e non erano poche!) ma sentivo che per me non era abbastanza. Avrei voluto viverci in quei posti, conoscerli, sentirli, farli miei.

Nel 2016 decisi che era arrivata l’ora di mettere alla prova me stessa, presi un anno di aspettativa dal lavoro e me ne andai in Australia per un anno con un Working Holiday Visa.
Ho passato undici mesi viaggiando e lavorando in giro per il continente australiano vivendo il periodo più folle, entusiasmante ed istruttivo della mia vita. La scelta migliore che avessi mai potuto fare.
In Australia ho vissuto in tantissimi posti diversi, conosciuto tantissime persone, fatto lavori che mai avrei pensato di poter fare. E nonostante vivessi sempre in posti strampalati con ben poche comodità ero più felice di quello che fossi mai stata. E allora perchè? Perchè avrei dovuto accontentarmi di una vita che consideravo mediocre quando là fuori ci sono cosi tanti posti da scoprire e persone da conoscere ed esperienze da fare?
Al rientro dall’Australia ero confusa, ma di una cosa mi sono resa conto subito: non mi piaceva più il posto dove stavo.
Sarei mai potuta tornare alla mia vecchia vita? Di colpo l’idea di lasciare il lavoro, che avevo in testa da anni (ancora prima di essere assunta!), si era materializzata come una necessità, qualcosa che non poteva più essere rimandato. Avevo sempre saputo che un lavoro normale nel contesto di una vita altrettanto normale non faceva per me.


IMG 20150807 WA0004 1024x768 - About

Sarei voluta ripartire immediatamente ma sapevo che sarebbe stata una decisione dettata solo dall’istinto: per non rischiare di prendere decisioni di cui mi sarei potuta pentire ho deciso di darmi del tempo per pensare e riassestarmi. Quel viaggio aveva sicuramente lasciato in me un segno indelebile e dovevo capire qual’era la mia strada.
Avrei aspettato un anno.
Questi mesi sono stati difficili, inizialmente tutto mi sembrava senza senso: non riuscivo a riabituarmi all’Italia. Mi sentivo un pesce fuor d’acqua, ma sapevo che passare un po’ di tempo in patria mi avrebbe chiarito le idee, permettendomi di non fare passi falsi e di prepararmi a dovere, psicologicamente, finanziariamente e se volete fisicamente al grande passo.

Ho iniziato subito a mettere da parte più soldi che riuscivo, ponendo me stessa in un regime di volontaria ristrettezza economica. Non mi è mai pesata questa cosa, perchè so che ogni rinuncia mi avvicina sempre di più al mio obiettivo.

Certo, non è stato facile, ma ho pensato che, invece di buttarmi giù e lamentarmi, la cosa più intelligente da fare sarebbe stata quella di sfruttare il tempo che avevo a disposizione per fare qualcosa di costruttivo e ridefinire quella che sono. Chi mi conosce sa che la Tania di prima è bella che andata. In realtà per me non è stato un vero e proprio cambiamento, ma più un risveglio.
Ho capito cosa voglio davvero nella vita, che tipo di persona voglio essere, cosa mi appassiona davvero al di là delle convenzioni.
Ho iniziato ad ascoltarmi senza freni, senza che una vocina nella mia testolina mi dicesse “Ehy, questo non piacerà alla gente, fai quello che ti hanno detto di fare e taci”. Ho deciso di smettere di fare quello che gli altri vogliono da me e lavorare per quello che io vorrei da me stessa.

Col passare dei mesi nulla è cambiato, quel bisogno di scappare è ancora li, il desiderio di essere completamente libera ancora più forte. Il pensiero dell’Australia è sempre costante.

16406746 614618105413836 5444856004291347811 n 2 - About

Quella di lasciare il lavoro è stata una non-decisione. Lo sapevo e basta.

Mi dispiace deludervi ma no, questo non è un blog di qualcuno che ce l’ha fatta e che vi darà la ricetta magica di come mollare il vostro lavoro domani e trasferirvi in paradiso. È il blog di qualcuno che sta scrivendo dalla sua cameretta di un appartamento condiviso ascoltando il suo coinquilino cantare a squarciagola i Neri per Caso mentre passa l’aspirapolvere e nel frattempo pensa a come realizzare il suo sogno.

Questo blog nasce per condividere con voi questo percorso. Voglio raccontarvi come si fa a lasciare il posto fisso in italia e ci si reinventa la vita dei propri sogni.
Da amante del viaggio indipendente vorrei offrirvi tutto quello che potrebbe tornarvi utile per organizzare i vostri viaggi, sia che siate in cerca di un’ispirazione o di informazioni pratiche.
Vorrei ascoltare da voi consigli e critiche, suggerimenti, qualsiasi cosa che vi venga in mente.

Ditemi se avete anche voi avete lo stesso mio progetto, come pensate di realizzarlo, quali sono i vostri dubbi e le difficoltà che state incontrando.

A Settembre 2018 ripartirò per e dall’Australia, dove ho lasciato il mio cuore. Da lì proseguirò per non fermarmi più.

Io ce la metto tutta e confido nel vostro sostegno!

 

Tania